Home / Finanza Personale / Fisco / Si riduce il tetto massimo per detrazioni fiscali sugli interessi passivi

Si riduce il tetto massimo per detrazioni fiscali sugli interessi passivi

Monti colpisce ancora, questa volta nel mirino le detrazioni fiscali sugli interessi passivi.

Proprio cosi, nella nuova legge di stabilità del Governo Monti, approvata la scorsa settimana, ha definito un nuovo limite massimo alle detrazioni fiscali sugli interessi passivi del mutuo. Il limite è stato abbassato dai precedenti 4000€ a 3000€.
Questo farà si che i contribuenti potranno beneficare di sconti minori sulla prossima dichiarazione dei redditi.

Non è stata toccata la percentuale della detrazione che rimane al 19% ma con il nuovo tetto massimo per la detrazione è di 3000 euro, si potranno scalare solamente 570 euro.

IL TRADING DI NUOVA GENERAZIONE

Investire sui mercati finanziari non è mai stato cosi facile. Scoprilo oggi!
Bonus di 25€* senza alcun deposito richiesto
(T&C applicati)

Oltre alle spese sugli interessi passivi pagati sui mutui, la detrazione del 19% sull’Irpef coinvolge anche le spese sostenute per le assicurazioni sulla vita, quelle relative all’intermediazione immobiliare, l’istruzione, i funerali, gli addetti all’assistenza personale, le erogazioni alle Onlus e le attività sportive dei figli. Rimangono invece escluse dal tetto dei 3.000 euro le spese mediche, le quali avranno comunque una franchigia di 250 euro.

Tutti questi provvedimenti saranno validi già a partire dalla dichiarazione dei redditi del 2012 e per questo rientreranno nei modelli 730 e Unico 2013.

Nel caso il mutuo fosse cointestato, ogni intestatario potrà fruire singolarmente della detrazione. Quindi in una coppia convivente con un mutuo cointestato la somma detraibile sarà di 6000€.


Consigliato

Notifiche di trading

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *