Home / Finanza Personale / Fisco / Come pagare la prima rata IMU

Come pagare la prima rata IMU

Mancano pochi giorni e poi scadrà il termine per il pagamento della prima rata dell’IMU.

Nel nostro sito e su internet sono tantissimi i siti che danno la possibilità di calcolare l’importo della tassa sulla casa.
Per il pagamento, la prima rata e l’eventuale seconda di settembre, è necessario pagare in banca o dal commercialista con il modello F24. A dicembre si potrà usare anche il bollettino postale.

Nel modello F24 vanno indicati il codice fiscale e i dati anagrafici del possessore della casa.Va compilata la “Sezione Imu e altri tributi locali“. Nella prima colonna va riportato il codice del comune dell’immobile. Va poi barrata la casella “acconto” e indicato il numero degli immobili.
Per le prime case il codice tributo è 3912. Per le seconde case l’importo dovuto nella rata va diviso in due righe: nella prima andrà indicato il codice tributo per la quota che incassano i Comuni (3918), nella seconda il codice tributo per la quota statale (3919).
Per le abitazioni principali bisognerà indicare se si tratta della prima di due o di tre rate. Nel primo caso andrà inserito nella casella “rateazione” il codice 0101; in caso di tre rate invece il codice è 0102.

IL TRADING DI NUOVA GENERAZIONE

Investire sui mercati finanziari non è mai stato cosi facile. Scoprilo oggi!
Bonus di 25€* senza alcun deposito richiesto
(T&C applicati)

Questo il modello F24 di esempio:

imu-small

 

Per richiedere aiuto o assistenza per conoscere la rendita si può chiedere agli uffici del catasto o sul sito www.agenziademanio.it .
Una  assistenza ai contribuenti la si può trovare inoltre ai Caf o i commercialisti e per chi paga l’Irpef con il modello 730 c’è anche la possibilità di pagare in tutto o in parte l’Imu.


Consigliato

Dove Impara ad investire con i CDF. Richiedi la guida al trading di successo.
Scarica GRATIS l'ebook!

ebook  trading

Ti potrebbe interessare:

IMU: dubbi non chiariti

Sarà questa la prima delle tre scadenze previste per il pagamento dell'imposta sulla prima casa. Anche se manca poco, sono ancora tanti i dubbi non chiariti come anche le eventuali sanzioni sugli errori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *