Home / Finanza Personale / Assicurazioni / Come scegliere la propria assicurazione auto risparmiando

Come scegliere la propria assicurazione auto risparmiando

L’automobile o la moto sono mezzi indispensabili e sono poche le famiglie che non hanno almeno uno a casa. Oltre alle spese del carburante e la manutenzione ordinaria, un fattore che incide molto sulla spesa è la polizza assicurativa.

Per dare un consiglio ai nostri lettori abbiamo vogliamo pubblicare un comunicato stampa rilasciato da Chiarezza.it che diffonde un vademecum di 6 regole per scegliere al meglio la propria assicurazione auto.

Niente di trascendentale, piccoli accorgimenti che non fanno male:

1. Confrontare non solo il prezzo, ma anche altri elementi della polizza RC auto, a partire dai massimali; il minimo previsto dalla legge è di 2.500.000€ per i danni alle persone e di 500.000€ per i danni a cose, ma le varie compagnie possono proporre massimali diversi oppure si può preferire per essere più tutelati di assicurarsi con un massimale maggiore.

2. Verificare che la polizza non preveda limitazioni importanti (ad esempio, un’età minima per condurre il veicolo). Se invece sappiamo che l’auto sarà guidata da un unico guidatore, è consigliabile scegliere una polizza con guida esclusiva, risparmiando significativamente sul premio assicurativo.

IL TRADING DI NUOVA GENERAZIONE

Investire sui mercati finanziari non è mai stato cosi facile. Scoprilo oggi!
Bonus di 25€* senza alcun deposito richiesto
(T&C applicati)

3. Controllare minuziosamente le esclusioni previste dalla polizza, che possono tradursi in franchigie e rivalse nel caso di sinistro; un esempio tipico è la guida in stato di ebbrezza, che in alcune polizze prevede una rivalsa sul contraente.

4. Nel caso di veicolo appena acquistato (anche usato), verificare la possibilità di avvalersi dei benefici del Decreto Bersani, che permette di utilizzare la classe di merito maturata dal contraente o da un familiare convivente assicurando un altro veicolo. In pratica si può assumere la classe bonus/malus più bassa in famiglia.

5. Se si scelgono coperture accessorie come incendio, furto e assistenza stradale valutare nel dettaglio cosa offrono le singole compagnie. In caso di sinistro con colpa, il conducente non è coperto dalla polizza RCA: per questo può essere utile valutare la possibilità di sottoscrivere una polizza che copra l’infortunio del conducente.

6. Scegliere la compagnia più idonea alle proprie esigenze e al proprio profilo, non solo sulla base del costo del premio assicurativo ma anche che garantisca le coperture che richiediamo.
Fonte: risparmiainrete.it


Consigliato

Notifiche di trading

Ti potrebbe interessare:

Il metodo per evitare aumenti delle assicurazioni

Come evitare l'aumento della spesa assicurativa attraverso un meccanismo che serve a riscattare il malus? Oltre ai rischi fisici, provocare un incidente con la propria auto può costare anche sotto l’aspetto economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *