Home / Guida trading / L’importanza dei volumi nel Trading Online

L’importanza dei volumi nel Trading Online

Fino a pochi anni fa i volumi non erano disponibili: semplicemente le borse futures non li trasmettevano. È per tal ragione che la gran parte dell’analisi tecnica tradizionale si basa sull’escursione dei prezzi come unica variabile interpretativa dell’andamento del mercato borsistico.

I volumi sono il mattoncino base di tutta la struttura del mercato: un prezzo senza volume significa poco e niente, un prezzo con grande volume ha una significato totalmente diverso. Il volume non è “inquinabile”: si possono fare finte, bluff in determinati orari, quando con pochi lots si riesce a muovere il mercato, ma una rottura di un range non è sostenibile se non supportata da grossi e significativi scambi.

I livelli del volume sono obiettivi, incontestabili. Con il prezzo si possono disegnare trendline su diversi timeframe e ciò rende tutto inevitabilmente discrezionale. Si può seguire un indicatore piuttosto che un altro, su lunghezze diverse e si avranno segnali diversi. I volumi invece sono lì, alla vista di tutti, e non possono essere fraintesi né male interpretati. Sono il segnale più chiaro e indiscutibile che il mercato possa fornire.

TRADING FACILE & VELOCE

Scopri la nuova piattaforma di ActivTrades.
Ampia gamma di strumenti, grafici avanzati , One-click trading!
Per te subito una DEMO gratuita e centro formazione professionale!

Tutti gli indicatori più conosciuti e seguiti sono in ritardo rispetto al movimento del prezzo in quanto traggono il loro feed proprio dal prezzo stesso. Questo tipo di indicatori è detto lagging indicator (ossia “indicatori in ritardo”). Trendline, stocastici, oscillatori, medie mobili, MACD, parabolici sono tutti lagging indicator: essi danno il segnale di inversione o cambiamento di tendenza solo dopo che il prezzo ha iniziato a invertire il trend. Il loro maggiore o minore ritardo dipende da come vengono settati: se sono settati troppo “veloci” sono soggetti a molti falsi segnali; se sono settati troppo “lenti”, danno il segnale quando l’inversione di trend si è già verificata da parecchio tempo e addirittura si rischia di avere un pullback per chiusure di posizioni.

Il volume invece rappresenta un’altra variabile, completamente scorrelata dalla prima, gestibile in maniera indipendente dal prezzo, come fosse una terza dimensione aggiuntiva rispetto al tempo e al prezzo. Il comportamento del volume (e degli indicatori costruiti sul volume) è spesso anticipatore rispetto al movimento del prezzo, può dunque essere considerato un leading indicator.

Inoltre il volume non dipende da mode o tendenze passeggere, a differenza di molti altri indicatori di analisi tecnica che, una volta passato l’entusiasmo iniziale, hanno fatto il loro tempo e non vengono più usati. I volumi ci sono, rappresentano reali scambi avvenuti che conferiscono maggiore o minore significatività ai movimenti.

I volumi scambiati ai vari livello di prezzo sono un dato semplice, obiettivo, non falsificabile, e restano nella memoria dei trader che per aver più volte trattato quel livello lo ricordano.


Consigliato

Dove Investire nel 2017? Dai migliori investimenti speculativi a quelli più sicuri.
Scarica GRATIS l'ebook!

ebook  trading

Ti potrebbe interessare:

Investire nel Forex, un’opportunità da non sottovalutare

Investire nel Forex è un'opportunità da non sottovalutare, ma non prendere alla leggera visto che alla base vi è il concetto di leva finanziaria

Un commento

  1. Purtroppo è un momentaccio in borsa e chi entra non avendo la preparazione giusta rischia davvero di scottarsi. Grazia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *