Home / Guida trading / Compilazione del modello RW per dichiarare i redditi all’estero

Compilazione del modello RW per dichiarare i redditi all’estero

Alla fine di questo mese occorre presentare il modello unico 2010 per i redditi 2009 (da parte delle persone fisiche, delle società semplici e degli enti di natura non commerciale).
La compilazione del quadro RW (obbligatoria per gli investimenti all’estero e/o i trasferimenti da, per e sull’estero) è cambiata sotto diversi aspetti e occorre quindi fare attenzione per non sbagliare rischiando così di incorrere in pesanti sanzioni.

MODIFICHE 2010 AL QUADRO RW:
L’Agenzia delle Entrate ha infatti apportato diverse modifiche (con la circolare 43/E del 10/10/09) riguardanti le istruzioni sulla compilazione del modello RW.

L’agenzia delle Entrate ha agito su due fronti:

1) ampliando le categorie di beni soggetti di monitoraggio fiscale

2) “semplificando” attraverso la riduzione del numero dei codici “operazioni con l’estero” utilizzabili.

Categorie di beni monitorati:
In riferimento al primo punto, nel caso di superamento della soglia cumulativa di 10.000 euro, vanno dichiarati:

a) gli immobili detenuti all’estero non affidati in amministrazione o gestione a intermediari italiani;

b) le attività finanziarie estere non affidate in amministrazione o gestione a intermediari italiani;

c) i titoli emessi in Italia ma acquistati all’estero unicamente se ceduti e suscettibili di realizzo di plusvalenza (ex art.67 TUIR);

d) le polizze di assicurazione sulla vita solo se le prestazioni vengono pagate all’estero ed il contratto non è concluso tramite un intermediario finanziario italiano;

e) le polizze di capitalizzazione solo se le prestazioni vengoni pagate all’estero ed il contratto non è concluso tramite un intermediario finanziario italiano.

Tabella codici:
In relazione al secondo punto, riguardante la volontà di semplificare la compilazione del quadro RW, l’Agenzia delle Entrate ha agito riducendo notevolmente il numero dei codici di investimento all’estero, portandoli a 18 (Vedi tabella sottostante). Sono così venuti a mancare tutti i codici concernenti flussi finanziari, come ad esempio i dividendi, gli affitti, gli interessi, ecc… lasciando però in tal modo dei dubbi nella compilazione. A titolo di esempio non si capisce se un reddito da locazione accreditato su un conto estero debba essere indicato col codice “1” relativo ai conti correnti o “15” riferito agli immobili.

Scudo fiscale:
Quello che è certo è che non vanno riportati nel quadro RW i beni e le attività rimpatriate o comunque regolarizzate attraverso lo scudo fiscale Ter. Solo per quanto concerne i beni rimpatriati solo giuridicamente e quindi rimasti all’estero ci sarà sa compilare il modulo RW nel modello Unico 2011 o nel modello Unico 2012, a seconda che ci si sia avvalsi rispettivamente dello scudo nel 2009 o nei primi 4 mesi del 2010.

Le sanzioni:
Le sanzioni cui si è soggetti in caso di errori o omissioni nella compilazione del quadro RW sono non poco onerose:

1) sanzioni dal 5% al 25% degli importi omessi: se l’omessa compilazione riguarda la prima sezione, ovvero i trasferimenti di denaro e titoli senza l’intervento dell’intermediario residente;

2) sanzioni innalzate dal 10% al 50% degli importi omessi: se l’omessa compilazione interessa la seconda o la terza sezione. In questa ipotesi la norma prevede la confisca dei beni per l’importo omesso corrispondente. Inoltre l’articolo 12 del Dl n. 78 ha introdotto la presunzione relativa secondo cui le attività non indicate, se possedute in Paesi a regime fiscale privilegiato, si considerano formate con redditi sottratti a imposizione. Per questa sanzione l’articolo 1 del Dl 194/2009 ha raddoppiato i termini per l’accertamento (ovvero da 1 più 4 anni a 1 più 8 anni). Va precisato che la seconda sezione è quella che deve riportare tutti gli immobili (produttivi di reddito e non) e le attività finanziarie detenute all’estero (e non affidate in gestione o amministrazione ad intermediari finanziari italiani), mentre la terza sezione accoglie i movimenti di capitale effettuati dal dichiarante per l’acquisto di immobili all’estero oppure per l’accreditamento su conto corrente estero dei mezzi finanziari necessari per il fabbisogno degli immobili stessi.

Raccomandazione:
Si consiglia pertanto di indicare nel quadro RW anche quelle attività per le quali non si è certi possano essere escluse dall’obbligo di dichiarazione.. In altri termini, in caso di incertezza meglio dichiarare attività all’estero che non farlo, in modo da evitare di incorrere nelle gravose sanzioni previste.

MODELLO RW: TABELLA CODICI

CODICE 1

CODICE 7

CODICE 13

Conti correnti e depositi esteri

Contratti di natura finanziaria stipulati con controparti non residenti

Altri Strumenti finanziari anche di natura non partecipativa

IL TRADING DI NUOVA GENERAZIONE

Investire sui mercati finanziari non è mai stato cosi facile. Scoprilo oggi!
Bonus di 25€* senza alcun deposito richiesto
(T&C applicati)

CODICE 2

CODICE 8

CODICE 14

Partecipazioni al capitale o al patrimonio di soggetti non residenti

Polizze di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione

Altre attività estere di natura finanziaria

CODICE 3

CODICE 9

CODICE 15

Obbligazioni estere e titoli similari

Contratti derivati e altri rapporti finanziari conclusi all’estero

Beni immobili

CODICE 4

CODICE 10

CODICE 16

Titoli non rappresentativi di merce e certificati di massa emessi da non residenti

Metalli preziosi allo stato grezzo e monetario detenuti all’estero

Beni mobili registrati (es. auto di lusso e yacht)

CODICE 5

CODICE 11

CODICE 17

Valute estere da depositi e conti correnti

Atti di disposizione patrimoniale a favore di trust, fondazioni o simili

Opere d’arte e gioielli

CODICE 6

CODICE 12

CODICE 18

Titoli pubblici italiani emessi all’estero

Forme di previdenza gestite da soggetti esteri

Altri beni patrimoniali


Consigliato

Dove Impara ad investire con i CDF. Richiedi la guida al trading di successo.
Scarica GRATIS l'ebook!

ebook  trading

Ti potrebbe interessare:

Quale sarà il futuro del mercato immobiliare?

Nel nostro paese ci si interroga ancora su quale sarà il futuro del mercato immobiliare. C'è stato un abbattimento delle quotazioni piuttosto consistente ma nel nostro paese sembra stabilizzarsi sia per quel che riguarda il livello di vendite che per quel che riguarda le quotazioni delle case.

Un commento

  1. accidenti basta sbagliare una virgola e sono dolori !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *