Home / Guida trading / Analisi fondamentale e gli indicatori che movimentano il mercato

Analisi fondamentale e gli indicatori che movimentano il mercato

L’analisi fondamentale può essere definita come lo studio dell’andamento di un Paese nei settori economico e finanziario al fine di individuare il valore equo di mercato e l’orientamento della sua valuta in prospettiva futura, i parametri fondamentali riguardano fattori che determinano i tassi di cambio come lo stato di salute dell’economia, la stabilità politica dei Paesi e gli eventi ambientali.
In genere lo stato di salute dell’economia di un Paese si misura guardando gli indicatori economici e le pubblicazioni dei dati e questo è il motivo per cui ogni operatore dovrebbe essere in grado di leggerli e capire in quale misura influenzano il valore di una valuta.

In questa pagina sono presi in considerazione le nozioni di base dell’analisi fondamentale e dato un’occhiata ad alcuni eventi di diversa natura che movimentano il mercato. Inoltre, abbiamo descritto i canali utilizzati dagli operatori per mantenersi sempre aggiornati sugli eventi più recenti che si ripercuotono sul mercato.

Il monitoraggio dei fondamentali è fondamentale per qualsiasi trader e non si dovrebbe mai dimenticarsi di guardare il calendario finanziario prima di ogni sezione di trading.

Da precisare che per quanto sia importante essere aggiornati sugli eventi economici, il mondo in cui viviamo è dinamico e soggetto a continui mutamenti per cui non sempre è possibile pianificare le notizie, e gli eventi che influiscono sul mercato possono verificarsi in qualsiasi momento.

Indice degli Indicatori di Mercato

Pubblicazioni di dati economici

Le pubblicazioni dei dati non sono importanti in assoluto, ma nella misura in cui si collocano al di sopra o al di sotto delle aspettative del mercato, in altre parole, oltre a conoscere i dati che saranno rilasciati è importante sapere quali sono le attese del mercato in riferimento ai dati stessi.
Ad esempio, una percentuale relativa alla disoccupazione del 5%, inferiore a quella del 5,1% comunicata il mese precedente avrebbe tutta l’aria di una buona notizia.
Tuttavia, la reazione del mercato sarà negativa rispetto a questa notizia se le aspettative collocavano la diminuzione della disoccupazione al 4,5%.
Per questo motivo è sempre necessario conoscere le aspettative del mercato al fine di valutare se la pubblicazione dei dati effettivi sia una sorpresa positiva o negativa, inoltre, occorre tenere presente che quanto più i dati si discostano dalle aspettative, tanto più questo inciderà sui tassi di cambio.

Di norma, sul breve periodo, il mercato reagisce a una qualsiasi pubblicazione di dati entro mezz’ora dai momento in cui questi vengono annunciati. Dopo di che, i tassi di cambio di solito si assestano, offrendo cosi la possibilità di analizzare le implicazioni delle novità su una prospettiva temporale più lunga.

È possibile seguire le maggiori pubblicazioni di dati del giorno e i risultati attesi sul calendario finanziario nella sezione dedicata “Calendario economico in tempo reale

Vediamo ora alcuni dei principali indicatori di mercato che ogni operatore dovrebbe conoscere e seguire.

Tassi d’interesse

I tassi d’interesse sono l’indicatore più importante quando si tratta di determinare il valore di una valuta sul lungo termine, infatti, la maggior parte degli altri indicatori economici influenza il tasso di cambio di una valuta poiché implica una potenziale variazione sui tassi d’interesse.

Normalmente le banche centrali annunciano i tassi d’interesse con cadenza mensile e l’intero mercato forex le osserva attentamente per cercare di capire cosa faranno.

L’adeguamento dei tassi d’interesse è lo strumento utilizzato da una banca centrale per controllare l’offerta della propria valuta, influendo direttamente sul suo valore, in presenza di un aumento dei tassi d’interesse i prestiti diventano più costosi e il risparmio più allettante, generando una contrazione del denaro circolante in quanto la gente tenderà ad immobilizzare in banca quantità maggiori di denaro.
In questo modo l’offerta di denaro viene ridotta e poiché un’offerta più bassa fa alzare i prezzi, la valuta interna si rafforza. Viceversa, in presenza di un taglio dei tassi d’interesse, i prestiti bancari diventano più convenienti a discapito dei risparmio, generando un aumento dell’offerta di denaro in libera circolazione e di conseguenza un indebolimento della valuta.

Rialzo dei tassi di interesse = la valuta interna si rafforza
Taglio dei tassi di interesse = la valuta interna si indebolisce

Le fonti più importanti che pubblicano annunci sui tassi d’interesse sono elencate nella tabella sottostante. È consigliabile concentrare l’attenzione sugli annunci relativi ai tassi dei Paesi le cui valute sono oggetto di trading.

Consigli di Trading: Gli operatori confrontano gli annunci sui tassi di interesse effettivi con i valori che il mercato si aspetta/si aspettava (previsioni). Se i tassi sono superiori al previsto, con ogni probabilità la valuta si andrà a rafforzare, mentre tassi inferiori alle attese di solito portano una flessione del valore della valuta.

Prodotto interno lordo (PIL)

Il prodotto interno lordo (PIL) di un Paese è il valore di tutti i beni e servizi prodotti al suo interno in un dato periodo di tempo.

Rappresenta lo stato di salute dell’economia di un Paese, un parametro che influisce direttamente sulla forza della sua valuta.

Normalmente il PIL viene pubblicato con cadenza mensile o trimestrale e l’esito viene confrontato con la crescita prevista del Paese.

Consigli di Trading: Gli operatori confrontano il PIL effettivo con il valore che il mercato si aspetta/si aspettava. Se il PIL supera le previsioni, con ogni probabilità la valuta si rafforza, mentre la pubblicazione di un PIL inferiore alle aspettative tende a indebolire la valuta stessa.

Inflazione

Un elevato tasso di inflazione erode il valore di una valuta e pertanto è ritenuto molto negativo per una qualsiasi economia nella maggior parte dei casi.

Normalmente le banche centrali si pongono come obiettivo un livello di inflazione intorno al 2-3 %, e se questo obiettivo viene superato, di solito si attivano per rientrare sui livelli desiderati.

Se l’inflazione è elevata, i mercati finanziari iniziano ad aspettarsi che le banche centrali aumentino i tassi d’interesse, riducendo l’offerta di denaro nell’economia e abbassando l’inflazione.

L’attesa di un aumento del tasso d’interesse porterà il rafforzamento della valuta, in quanto il prezzo di mercato rifletterà la variazione in anticipo nel tentativo di trarre vantaggio da un annuncio ancor prima che questo venga dato ufficialmente.

I comuni parametri dell’inflazione comprendono l’indice dei prezzi al consumo e l’indice dei prezzi alla produzione, i cui dati vengono pubblicati di solito con cadenza mensile.

Consigli di Trading: Se l’inflazione si attesta sopra le previsioni, con ogni probabilità la valuta si rafforza, mentre un’inflazione inferiore alle aspettative tende a indebolirla.

Disoccupazione

Senza lavoratori non ci sarebbe attività economica. Per questo motivo la disoccupazione rappresenta un parametro importante dello stato di salute dell’economia di un Paese e del ritmo della sua crescita economica.

L’aumento della disoccupazione (o la diminuzione dell’occupazione, come viene a volte chiamata) esercita un effetto negativo sulla crescita economica di un Paese mentre la diminuzione della disoccupazione (o l’aumento dell’occupazione, che dir si voglia) è considerata un segnale positivo per l’economia.

Una crescente disoccupazione è il segnale di un’economia in difficoltà e pertanto il mercato si aspetta che la banca centrale riduca i tassi d’interesse al fine di incrementare l’offerta di denaro e sostenere la ripresa dell’attività economica e quindi della crescita. Come abbiamo visto in precedenza, la prospettiva di una drastica diminuzione dei tassi tende a indebolire la valuta.

L’opposto accade quando la disoccupazione è in calo: In un’economia in rapida crescita si può verificare in breve tempo un aumento dell’inflazione a causa dell’intensa attività finanziaria, e per evitare che l’inflazione sfugga al loro controllo è probabile che le banche centrali aumentino i tassi di interesse. In conseguenza dell’atteso aumento del tasso, è probabile che vi sia un apprezzamento della valuta.

Al pari dei dati su disoccupazione e occupazione, altri indicatori comuni legati all’occupazione sono gli NFP (Non Farm Payrolls) degli Stati Uniti, le buste paga private e il Claimant Count, i cui dati vengono pubblicati con cadenza mensile. L’indicatore sull’occupazione di gran lunga più importante è l’NFP degli Stati Uniti, in quanto tende ad avere l’influenza maggiore sul mercato forex. Rappresenta la variazione del numero di persone occupate durante il mese precedente (ad esclusione del settore agricolo), e i dati vengono rilasciati poco dopo la fine del mese, il primo venerdì del mese successivo.

Consigli di Trading: Normalmente un tasso di disoccupazione più elevato del previsto (o un tasso di occupazione inferiore al previsto) causa l’indebolimento della valuta, mentre un tasso di disoccupazione inferiore al previsto (o un tasso di occupazione superiore al previsto) comporta una valuta più forte.

Dati relativi ai consumatori

Come abbiamo visto nel caso della disoccupazione, sono le persone a stimolare l’economia: il reddito e la domanda di beni e servizi influiscono direttamente sulla crescita economica di un Paese.

Se la domanda dei consumatori aumenta, le economie tenderanno a crescere più velocemente; al contrario, al contrarsi della domanda si assiste a un rallentamento economico.

I comuni indicatori legati ai consumatori comprendono le vendite al dettaglio, gli ordini di beni durevoli, la fiducia dei consumatori e l’indice ZEW del clima economico, i cui dati vengono tendenzialmente rilasciati con cadenza mensile.

Consigli di Trading: Vendite, ordini, fiducia e clima migliori del previsto di solito portano a una valuta più forte, mentre il rilascio di dati inferiori alle attese comporta un indebolimento della valuta.

Bilancia commerciale

Questo numero rappresenta la differenza tra il valore dei beni e servizi esportati e quello dei beni e servizi importati da un Paese.

Si verifica un surplus se il valore delle esportazioni è maggiore di quello corrispondente alle importazioni e un deficit nella situazione contraria.

È interesse di un Paese che il volume delle esportazioni sia superiore a quello delle importazioni: questa dinamica genera capitale utilizzabile per promuovere la crescita.
Normalmente questo dato viene pubblicato su base mensile.

Consigli di Trading: Un dato superiore alle aspettative è tendenzialmente positivo per la valuta, mentre il rilascio di un dato negativo tende a ottenere l’effetto contrario.

Discorsi, conferenze stampa e verbali

Oltre alle pubblicazioni di dati pianificate, un operatore deve seguire attentamente le opinioni di personaggi influenti sulle politiche fiscali e monetarie di un Paese.

Occorre ricercare indizi indicativi di un miglioramento o peggioramento economico, delle variazioni di linea politica e di altri fattori indicativi della situazione economica di un Paese e in grado di influenzare il valore della sua valuta.

Negli Stati Uniti, il presidente della Federai Reserve e i membri votanti del Federai Open Market Committee (FOMC) sono figure influenti che possono movimentare i mercati le cui dichiarazioni sono attentamente valutate degli operatori.
Altre figure di spicco comprendono il presidente della Banca Centrale Europea (BCE), i governatori della Banca d’Inghilterra (BOE), della Banca del Giappone (BOJ), della Banca del Canada (BOC), della Reserve Bank of Australia (RBA) e della Reserve Bank of New Zealand (RBNZ), i membri dell’UK Monetary Policy Committee (MPC) e il presidente della Banca nazionale svizzera (SNB), tra gli altri. Inoltre, gli operatori prestano attenzione ai rilasci dei verbali di assemblea delle banche centrali.

Consigli di Trading: Se il messaggio è timido (pessimistico) tende a danneggiare la valuta, mentre un tono aggressivo (ottimistico) in genere ne provoca l’aumento di valore.

Il calendario economico

Il calendario economico è uno strumento fondamentale per un trader; è progettato per fornire tutte le informazioni sulle prossime pubblicazioni di dati e annunci in modo chiaro e facilmente comprensibile. Qui sono riportate le pubblicazioni di dati già rilasciati o attese, l’orario in cui saranno annunciate e il livello di impatto atteso sui mercati (medio, alto o basso).

Il calendario economico è uno strumento importante sia per il trading sul forex che opzioni binarie. In genere il mercato reagisce alle news sull’economia e può diventare volatile se gli annunci non corrispondono alle aspettative.

Guardando il calendario economico è possibile preparare in anticipo la strategia di trading e aprire posizioni specifiche per provare a trarre vantaggio dalla volatilità del mercato.

Calendario economico in tempo reale

Calendario Economico fornito da Investing.com Italia – Il Portale di Trading sul Forex e sui titoli di borsa.

Il calendario economico potrebbe inoltre essere soggetto a modifiche senza preavviso.

Migliori Broker per fare trading sui mercati

In seguito è presente una tabella di confronto dei migliori Broker forex. I parametri utilizzati per selezionare queste società sono stati: regolamentazione, sicurezza, prodotti/servizi, supporto clienti, affidabilità.

Broker Pro Leva Spread Inizia
25€ no deposito 1:50 2 pips apri ora
activtrades Sicurezza Clienti 1:400 0.5 pips apri ora
plus500 Broker sicuro 1:300 2 pips apri ora
24option Segnali su MetaTrader 1:50 2 pips apri ora

Apri un conto di trading REALE e ricevi in Omaggio l’ebook “Trading per Tutti”

Descrizione:
– Titolo: Trading per Tutti
– Autore: Dove Investire
– Formato: eBook PDF 218 pagine

Contenuto: Una guida per comprendere in modo semplice il funzionamento dei mercati finanziari. L’ebook “Trading per Tutti” è destinato a tutte le persone che cercando il modo per ottenere successo nell’attività di trading.

Nelle oltre 200 pagine si parla di Analisi Tecnica, Analisi Fondamentale, Oscillatori, Medie Mobili, Candele Giapponesi, Money Management, oltre ad utili consigli per non commettere più errori e scoprire come sfruttare al meglio tutte le opportunità di trading grazie alle strategie di trading più affidabili.
Non mancano esempi pratici e una serie di lezioni teoriche ed operative utilizzate dai trader esperti.

Chiedi subito la tua copia in OMAGGIO, apri un conto di trading reale con uno dei Broker presenti in questa pagina (è richiesto un deposito minimo di soli 100€).

Dopo la registrazione compila il Form qui sotto o scrivici a info@doveinvestire.com indicando “nome, mail e broker” nel quale si è aperto il conto. Appena ricaveremo la conferma da parte del Broker ti sarà inviato quanto indicato.
PS. Per ottenere l’ebook gratuitamente è necessario aprire un conto attraverso i link presenti in questa pagina. Conti già esistenti o registrazioni attraverso link esterni al nostro sito non saranno ritenute valide.

Nome e Cognome (richiesto)

E-mail (richiesto)

Oggetto

Broker scelto e dettagli del conto

captcha

Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questa pagina, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati.
Valutazione dell’articolo

5 Stelle

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

Janet Yellen “I tassi d’interesse non devono salire ancora molto”

Non sarà necessario un forte aumento dei tassi d'interesse nei prossimi due anni. Sono queste le parole annunciate dalla presidente della Federal Reserve

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *