Home / Analisi dei mercati / ORO e PETROLIO in rialzo in questo inizio di settimana. Questi i livelli operativi

ORO e PETROLIO in rialzo in questo inizio di settimana. Questi i livelli operativi

Commodities subito protagoniste in questo inizio di settimana con il prezzo dell’ORO che torna sopra i 1.230 dollari l’oncia e il PETROLIO rivede i 49 dollari per barile.

Il metallo prezioso ha raggiunto i valori massimi dell’ultima settimana dopo essere sceso fino ai 1.216 dollari l’oncia. Questa mattina il prezzo del Gold Futures ha toccato i massimi intraday a 1.232 dollari l’oncia  anche grazie al ritracciamento dell’indice del Dollaro, sceso dello 0,08% per essere scambiato a 99,97 dollari.

Il Petrolio è stato tra i protagonisti dei mercati finanziari la scorsa settimana con un rialzo di quasi 4 dollari per barile, superando questa mattina i 49 dollari grazie all’aumento delle speranze su un prolungamento dell’accordo OPEC a fine mese.
I produttori OPEC e non-OPEC stanno infatti considerando di prolungare i tagli oltre la fine dell’anno, per poter dare il tempo necessario al bilanciamento del mercato, secondo riferito da alcune fonti del settore. Negli ultimi giorni ci sono state inoltre voci su un possibile aumento dell’entità dei tagli.

Livelli operativi del mercato dell’ORO

Il prezzo dell’oro inizia bene la settimana superando quota 1.230 dollari l’oncia con un rialzo dello 0,21% (nel momento in cui scriviamo).

Se il metallo prezioso dovesse continuare a salire rompendo il livello di resistenza a 1.231,74 dollari, l’obiettivo sarà quello di raggiungere e testare i 1.235 dollari e se il trend continua, il prossimo livello importante è a 1.239,10 dollari l’oncia.

Se il prezzo dell’oro dovesse invece scendere sotto al supporto a 1.225 dollari, cercherà di raggiungere il prossimo supporto a 1.220,70 e in caso di ulteriore rottura, il trend al ribasso continuerà verso 1.217,20 dollari l’oncia.

Questo il grafico dell’Oro in tempo reale

Livelli operativi del mercato del PETROLIO

Nel momento in cui scriviamo il prezzo del petrolio si trova a 49,13 dollari al barile con un rialzo del 2,65%.

FAI TRADING SU CRIPTOVALUTE

www.plus500.com

Scopri tutte le opportunità offerte da Bitcoin, Ethereum, Bitcoin Cash e le altre
Spread bassi, zero commissioni e leva finanziaria

Se il prezzo del Petrolio dovesse continuare a salire rompendo il livello di resistenza a 49,15 dollari, l’obiettivo sarà quello di raggiungere e testare zona 49,81 dollari e se il trend continua, il prossimo livello importante è a 50,20 dollari per barile.

Se il petrolio dovesse invece tornare a scendere rompendo il supporto a 48,46 dollari, cercherà di raggiungere il prossimo supporto a 47,50 dollari e in caso di ulteriore rottura, il trend al ribasso continuerà verso 46,70 dollari per barile.

Questo il grafico del Petrolio in tempo reale

Per aggiornamenti ed evoluzioni dei mercati finanziari, seguici sulla nostra pagina Facebook www.facebook.com/doveinvestire.blog

Questi i migliori broker per investire sui mercati finanziari

Broker Pro Leva Spread Inizia
activtrades Sicurezza Clienti 1:400 0.5 pips apri ora
plus500 Broker sicuro 1:300 2 pips apri ora
24option Segnali su MetaTrader 1:50 2 pips apri ora
Avviso esplicito sui rischi: non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite o danni commerciali a causa di affidamento sulle informazioni contenute all’interno di questo sito, compresi i dati, le citazioni, i grafici e i segnali di acquisto/vendita. La negoziazione sui mercati finanziari è una delle forme più rischiose di investimento possibili. Tutti i prezzi e i segnali di acquisto/vendita sono indicativi e non adeguati ai fini di negoziazione, inoltre, non sono forniti da un cambio, ma piuttosto dai market maker, quindi potrebbero non essere precisi e possono differire dal prezzo effettivo di mercato. Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali perdite commerciali nelle quali si potrebbe incorrere come conseguenza dell’utilizzo di questi dati. Il testo riportato non costituisce attività di consulenza da parte di Dove Investire né, tanto meno, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere strumenti finanziari. Le informazioni ivi riportate sono di pubblico dominio e sono considerate attendibili, ma il portale Dove Investire non è in grado di assicurarne l’esattezza. Tutte le informazioni riportate sono date in buona fede sulla base dei dati disponibili, ma sono suscettibili di variazioni anche senza preavviso in qualsiasi momento dopo la pubblicazione. Si declina ogni responsabilità per qualsivoglia informazione esposta in questa pubblicazione. Si invita a fare affidamento esclusivamente sulle proprie valutazioni delle condizioni di mercato nel decidere se effettuare un’operazione finanziaria e nel valutare se essa soddisfa le proprie esigenze. La decisione di effettuare qualunque operazione finanziaria è a rischio esclusivo dei destinatari della presente informativa.

Trai vantaggio dall’instabilità del mercato

Apri un conto di trading

Informazioni sull'amministratore di Dove Investire

L'amministratore e proprietario del portale www.doveinvestire.com è Simone Mordenti, analista finanziario, trader con oltre 10 anni di esperienza. Classe 1974, si avvicina al mondo del trading, ed in particolare agli investimenti sui indici di borsa e valute, grazie all’affiancamento di esperti del settore. Una forte passione per le scienze statistiche e l’analisi tecnica sui mercati finanziari, da diversi anni si occupa di giornalismo finanziario in diversi portali del settore, in veste di analista tecnico e trading advisor.

Ti potrebbe interessare:

L’impatto delle elezioni in Germania sui mercati finanziari

La Germania si prepara a tenere le elezioni federali di domenica 24 settembre 2017. I risultati delle elezioni influenzeranno i mercati europei creando instabilità e sopratutto opportunità

Un commento

  1. Il metallo prezioso ha registrato un aumento per la terza seduta consecutiva venerdì, toccando un livello che non si registrava da metà aprile, dopo la pubblicazione dei dati statunitensi deludenti sulle vendite al dettaglio e l’inflazione che hanno ridotto le aspettative di vedere nuovi aumenti dei tassi da parte della Federal Reserve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *